La conformazione della Costiera la rende simile a un balcone sospeso a metà tra le acque blu cobalto del Tirreno e l’azzurro del cielo

Torna alle destinazioni

l'Italia di Amandatour

La Costiera Amalfitana è il tratto di costa campana situato a sud della penisola sorrentina, si affaccia sul golfo di Salerno ed è delimitato a ovest da Positano e a est da Vietri sul Mare. È uno scenario meraviglioso formato dai paesini arroccati lungo pendii e falesie famose in tutto il mondo per la bellezza naturalistica. Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, la Costiera prende il nome dalla città di Amalfi, nucleo centrale della zona geograficamente e storicamente.

 

Ravello, Costiera Amalfitana

 

L’area si estende per 11.321 ettari tra il Golfo di Napoli e il Golfo di Salerno e conta 13 comuni: Amalfi, Atrani, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti e Vietri sul Mare.
I paesi sono collegati dalla Strada Statale 163 Amalfitana, costruita in epoca borbonica e considerata una delle più belle strade dello stivale.

Amalfi, con uno splendido lungomare dal quale si snodano le caratteristiche stradine, vicoli e scalinate, una delle quali conduce all’antico Duomo dalla spettacolare facciata a mosaico.

Tipica ceramica di Vietri
Positano, Costiera Amalfitana

Vietri sul Mare, porta di ingresso della Divina Costiera, famosa per le sue ceramiche.

Strani è uno dei più pittoreschi e suggestivi borghi amalfitani, dove il bianco delle case è interrotto dai vivaci colori dei giardini.

Ravello, elegante e raffinata, con il Duomo e le splendide Villa Cimbrone e Villa Rufolo, entrambe circondate da meravigliosi giardini a terrazza sul mare.

Minori, prezioso per la bellezza della natura e per la Villa Romana del I secolo d.C. decorata da stucchi, mosaici e affreschi.

Praiano, da scoprire percorrendo i sentieri che si dipanano all’interno di una natura senza eguali, o visitando le sue memorie storiche e artistiche, tra le quali la Chiesa di San Luca Evangelista che custodisce splendide tele del Cinquecento.

Positano, una gemma incastonata tra le rocce a picco sul mare, con le tre piccole isole delle “Sirenuse” a poca distanza dalla costa, dove poter visitare la Grotta dello Smeraldo, così chiamata per il colore che si diffonde all’interno grazie alla luce solare che penetra nelle fessure.

condividi su
Facebook Twitter

explore

Scopri nuove mete, nuovi viaggi.

Esplora la mappa e ricerca I tour di Amanda, articoli, itinerari, blog.



resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato sulle novità