La riviera ligure orientale delle Cinque Terre è un paesaggio culturale di valore eccezionale che rappresenta l'armoniosa interazione stabilitasi tra l'uomo e la natura per realizzare un paesaggio di qualità eccezionale, che manifesta un modo di vita tradizionale millenario e che continua a giocare un ruolo socioeconomico di primo piano nella vita della società.
Patrimonio UNESCO dal 1997

Torna alle destinazioni

l'Italia di Amandatour

Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore

Una costa a strapiombo sul mare con case multicolore aggrappate alle rocce e terrazzamenti coltivati a vite e ulivo, falesie e baie bagnate da un mare cobalto: sei alle Cinque Terre. Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso sono legate fra loro da un denominatore unico: una bellezza ineguagliabile.

Riomaggiore – Cinque Terre
Riomaggiore

È la più orientale delle Cinque Terre ed è il primo paesino che si incontra arrivando da La Spezia. Strutturato a gradoni, risale secondo la tradizione all’VIII secolo e fu fondato da un gruppo di profughi greci. Le abitazioni colorate si sviuppano su tre o quattro piani e sono legate le une alle altre in schiere parallele. Nella parte alta del paese si trova la Chiesa di San Giovanni Battisti, costruita nel 1340, mentre dalla parte opposta, in posizione elevata vi sono i resti del Castello del XV secolo. Da qui, ha inizio la Via dell’Amore, una suggestiva strada panoramica esclusivamente pedonale che porta fino a Manarola.

Manarola – Cinque Terre
Manarola

Ha origine molto antiche, il suo nome deriva dal latino “Manium arula”, (tempietto dedicato ai mani, le anime dei defunti). È formato da case-torri arrampicate su uno scosceso promontorio, con il porto racchiuso sotto. Il borgo si struttura attorno al corso principale,  la Via di Mezzo, mentre a monte dell’abitato si trova la piazza in cui si trovano alcuni importanti edifici religiosi, tra cui la Chiesa di San Lorenzo in stile gotico, l’Oratorio dei Disciplinati e la torre campanaria.

Corniglia – Cinque Terre
Corniglia

Si trova su un promontorio roccioso a picco sul mare, alto un centinaio di metri, dal quale si possono ammirare tutti gli altri quattro borghi delle Cinque Terre. Per arrivarci bisogna salire la caratteristica Lardarina, una lunga scalinata di mattoni formata da 33 rampe e quasi 400 gradini, oppure la strada carrozzabile che della ferrovia conduce al paese.

Vernazza – Cinque Terre
Vernazza

Fu fondata intorno all’anno mille. Un tempo più prosperosa degli altri paesi delle Cinque Terre, ospita elementi architettonici di pregio come logge, porticati e portali. Il borgo, punteggiato da costruzioni difensive come il torrione e il Castello dei Doria, è percorso da ripide stradine che scendono fino alla piazzetta situata di fronte al porticciolo.

Monterosso – Cinque Terre
Monterosso

È formata da due nuclei: uno moderno e residenziale e il borgo medievale. Quest’ultimo è dominato dalla mole dei resti del Castello Obertengo, a strapiombo sul mare. Nel XVI secolo il borgo era cinto da ben tredici torri, delle quali ne rimangono solo tre: la rotonda nel castello, la torre medievale, oggi campanile della Chiesa di San Giovanni, e la torre Aurora. Interessante la  Chiesa di San Francesco che custodisce importanti opere, tra cui “La crocefissione” attribuita da molti a Van Dyck.

condividi su
Facebook Twitter

explore

Scopri nuove mete, nuovi viaggi.

Esplora la mappa e ricerca I tour di Amanda, articoli, itinerari, blog.



resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato sulle novità