Tutto pronto per Dureranno un anno e mezzo e costeranno 10 milioni di euro i lavori di restauro e riallestimento del Corridoio vasariano, il camminamento lungo circa un chilometro realizzato da Giorgio Vasari nel 1565 per unire internamente Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti passando per gli Uffizi.

“Sarà una passeggiata panoramica ad accesso democratico affacciata sul cuore di Firenze e si stima che verrà visitata da 500mila persone l’anno» ha dichiarato Eike Schmidt, direttore della Galleria degli Uffizi “Abbiamo voluto che questo eccezionale bene culturale potesse essere accessibile davvero a tutti, in completa sicurezza, in modo da offrire a chiunque lo desiderasse una passeggiata nel cuore dell’arte, della storia e della memoria di Firenze”.

Il camminamento sarà percorribile in una sola direzione, dagli Uffizi verso Palazzo Pitti, da un numero massimo di 125 persone in contemporanea.

Volte esterne del Corridoio vasariano, Firenze

 

Sarà accessibile alle persone con disabilità attraverso un sistema di rampe, pedane e ascensori. Avrà un impianto di climatizzazione e riscaldamento che ne regolerà in ogni momento la temperatura, un’illuminazione led a basso consumo energetico, cinque uscite di sicurezza e sarà interamente videosorvegliato.

Gli oltre 700 ritratti, in gran parte autoritratti, finora esposti nel Corridoio, verranno rimossi e collocati in una serie di sale al primo piano della “Galleria delle Statue e delle Pitture”. A decorare il Vasariano resteranno circa 30 sculture antiche e una raccolta di iscrizioni greche e romane. Ci sarà poi uno spazio dedicato agli  affreschi che decoravano l’esterno delle volte del Corridoio, realizzati per volontà dello stesso Vasari: tali affreschi furono staccati dalla loro collocazione a fine dell’Ottocento e vennero restaurati negli anni ’60 del secolo scorso.

Tutte le 73 finestre che costellano il Corridoio verranno aperte in modo da consentire ai visitatori di ammirare il panorama da ogni angolazione. Finora alcune finestre venivano oscurate o lasciate chiuse per proteggere i preziosi dipinti esposti.

Il Corridoio vasariano riflesso sul fiume Arno, Firenze

 

Due punti del camminamento accoglieranno memoriali: il primo, in corrispondenza di via Georgofili dove esplose l’ordigno che causò la strage avvenuta la notte tra il 26 e il 27 maggio 1993 per mano di Cosa Nostra, ospiterà gigantografie metalliche con riproduzioni fotografiche di quei terribili momenti e dei dipinti degli Uffizi danneggiati dallo scoppio della bomba. Il secondo spazio dedicato alla memoria si troverà appena passato Ponte Vecchio e verrà dedicato alla devastazione del centro storico di Firenze nel ’44 operata dalla furia nazista.

Il costo del biglietto per accedere al Corridoio vasariano sarà di 45 euro in alta stagione, 20 in bassa. Le scolaresche entreranno gratis.

Si sta vagliando l’idea di un ticket integrato “XXL”, che consentirà la visita di Palazzo Vecchio, Galleria degli Uffizi, Corridoio Vasariano, Palazzo Pitti, Giardino di Boboli, Forte Belvedere e Giardino Bardini.

Corridoio vasariano e Ponte Vecchio al tramonto riflessi sull’Arno, Firenze